“LA CHIESA DELLA DONNE”

convegno civita 2015Una Chiesa tutta al femminile. E’ “La Chiesa delle donne”, il tema della diciottesima edizione del convegno nazionale che l’Associazione di volontariato “Maria SS.ma della Civita” organizza a Itri domenica prossima in occasione della cerimonia di ostensione del pallio della Madonna della Civita in piazza Incoronazione. Cerimonia che tradizionalmente apre il mese dei festeggiamenti patronali in onore della Vergine patrona di Itri e della diocesi di Gaeta che culmineranno il 19, 20,21 e 22 luglio prossimi. Quest’anno il convegno – che si terrà nella parrocchia di S.Maria Maggiore a partire dalle ore 18,30 del 5 luglio prossimo – è dedicato alla Madonna come prima figura che – secondo il racconto degli Atti degli Apostoli – all’indomani dell’ascensione al cielo di Gesù fu di fatto il punto di riferimento della prima comunità cristiana nel Cenacolo, vale a dire la prima forma di comunità ecclesiale che in seguito avrebbe dato vita e forma alla Chiesa universale. “All’incontro – spiega Orazio La Rocca, vaticanista del quotidiano La Repubblica e del Gruppo Espresso, ideatore del convegno – interverranno solo relatrici, ciascuna delle quali parlerà di un particolare aspetto socio-religioso legato alla figura della Madonna”.

Da qui “La Chiesa delle donne” che sarà illustrata e raccontata anche con esperienze personali dall’attrice Pamela Villoresi, che parlerà, tra l’altro, della figura e dell’insegnamento di S.Teresa d’Avila, suor Maria Rita falco, giornalista, scrittrice e religiosa vicina ai malati di aids di Villa Glori a Roma, Ritanna Armeni, firma storica de Il Manifesto, ex portavoce di Fausto Bertinotti alla presidenza della Camera dei deputati e ora condirettrice dell’inserto mensile dell’Osservatore Romano, il quotidiano della Santa Sede, Rosanna Virgili, biblista e docente alla Pontificia Università Lateranense, e Olga D’Antona, moglie del giuslavorista Massimo D’Antona assassinato dalla nuove Brigate Rosse il 20 maggio 1999.

Negli anni passati al convegno sono intervenuti cardinali e vescovi (Sepe, Tonini, Saraiva Martins, Sebastiani, De Paolis, Herrans, Girotti…), preti impegnati nel sociale come don Luigi Ciotti e don Antonio Mazzi, monsignor Marco Frisina, esponenti del mondo dell’arte, della cultura e dello spettacolo, anche di cultura laica, (Liliana Cavani, Angelo Branduardi, Claudia Koll, Ambrogio Sparagna, Pippo Baudo, Vittorio Sgarbi, il direttore di Avvenire Marco Tarquinio, il vice direttore dell’Osservatore Romano Carlo Di Cicco, padre Enzo Fortunato del Sacro Convento di

Assisi, il maestro Maurizio De Luca, restauratore capo dei Musei Vaticani…). Lo scorso anno, il professor Sgarbi, in un confronto con il direttore di Avvenire Marco Tarquinio, con lo scrittore Marco Roncalli, nipote di Giovanni XXIII, e con l’arcivescovo Gianfranco Girotti, Reggente della Penitenzeria apostolica vaticana, parlò dei due papi santi, Wojtyla e Roncalli, dal punto di vista storico, culturale e artistico. Domenica prossima, le 5 relatrici (per la prima volta in 18 anni al convegno non sarà presente un alto ecclesiastico della Santa Sede) parleranno dell’influenza che la Madonna ha avuto in 2000 anni di storia nella fede, nella cultura, nella vita religiosa, nella coerenza sociale, nella positiva reazione di fronte a qualsiasi forma di dolore con la grazia del perdono, come testimonia la presenza della Madonna sul Golgota sotto la croce del Figlio crocifisso.

I lavori saranno aperti da don Guerino Piccione, parroco di S.Maria Maggiore, introdotti dall’avvocato Antonio Fargiorgio, presidente dell’Associazione “Maria SS.ma della Civita” e coordinati da Orazio La Rocca.

Lascia una risposta

Puoi usare i seguenti tag HTML ed attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>